Le 5 domande sull’olio da barba che non ti sei ancora posto

A causa della tendenza che esplosa di avere una barba curata, lunga e dall’aspetto estetico appagante è nata anche sul mercato l’esigenza specifica di avere nel proprio armadietto un prodotto che si crede sia miracoloso e definitivo per gestire una bella barba: sto parlando dell’olio da barba!

Ma è davvero così importante avere nel proprio cassetto dei prodotti per la rasatura e per la cura della barba un olio? Specialmente in un periodo in cui gli sprechi sono eccessivi. Ce la siamo chiesti in 5 domande e queste sono le risposte che ci siamo sentiti di dare in maniera del tutto libera.

1. L’olio da barba promuove la crescita di nuovi peli?

La risposta è sì, ma solamente se sul tuo viso hai già una buona quantità di peli, infatti se tendenzialmente sei glabro, dunque sei geneticamente predisposto ad avere pochi se non nessuno pelo non ci sarà pozione magica che ti possa aiutare in questo.

Sarebbe difficile anche nel caso di assunzione di integratori per i capelli o nel caso tu abbia delle problematiche a livello ormonale o di malassorbimento, dato che, molte volte, correggendo questi “disguidi” non è assicurato che automaticamente compaia una barba densa e fitta.

Dunque la risposta è aperta a varie ipotesi, dipende molto dalla tua tipologia di barba, da quale olio utilizzi, infatti il mio consiglio è quello di scegliere oli da barba che siano di origine biologica, del tutto naturali e che abbiano sostanze rimpolpanti e nutrienti per la cute.

Ancora meglio se hai una barba che tende naturalmente a diventare crespa, ispida ed indomabile, alllora un olio da barba si abbina alla perfezione con questo intento di rendere la tua criniera facciale doma.

2. Nutre la pelle al di sotto della barba?

L’olio della barba è idratante per la pelle e aiuta ad ammorbidire e domare i peli della barba, il che significa che svolge anche un doppio ruolo come agente styling. Secondo molti esperti nel mondo della rasatura, la barba ideale dovrebbe apparire lucida e curata, non polverosa, traballante e ispida.

Molti si domandano se davvero l’olio abbia la capacità di permeare ed andare all’interno della pelle, questo per quanto concerne la medicina è davvero improbabile, tuttavia a livello locale e superficiale la pelle risente delle sostanze applicate, dunque eventuali rossori, rush, eczemi o casi di forfora della barba dovrebbero essere efficacemente mitigati dalla scelta di un buon olio da barba.

Se hai ancora dei dubbi ti consiglio di schiarirteli, leggendo questo articolo sui migliori oli da barba, scritto da Il Gentiluomo, un sito che tratta l’argomento barba e dintorni in maniera chiara ed esplicativa.

3. La barba si libererà della forfora

Grazie agli oli idratanti, arricchiti un po ‘di olio da barba è appena sufficiente per domare quei peli volanti ed eliminare i fiocchi ad esempio la barba-druff anche chiamata forfora della barba.

Ci sono sul mercato innumerevoli oli essenziali dalla fragranza muschiata o legnosa come ad esempio sono il legno di cedro o il sandalo,  questo prodotto spesso trascurato funge anche da acqua di colonia naturale, dunque oltre a liberare la barba dalle fastidiose squame, avrai al tempo stesso una buona profumazione la quale non dovrebbe mancare mai in un uomo elegante e moderno.

In alcuni casi, sempre più frequenti ormai, gli oli per barba di fascia alta, di qualità decisamente superiore possono includere ingredienti aggiuntivi come ad esempio la vitamina E, che fornisce importantissime vitamine necessaria per una cura sana sia dei capelli che anche della pelle.

Il motivo per cui questi oli sono così ampiamente utilizzati nei prodotti di bellezza è dovuto al fatto che sono completamente naturali e hanno straordinarie capacità idratanti ed al tempo stesso emollienti per la pelle e i follicoli piliferi.

4. Posso migliorare o eliminare il prurito della barba?

Quasi ogni uomo che si fa crescere la barba dopo circa un mese inizierà a notare che la sensazione di fastidio e di prurito sembra prendere il sopravvento sulla regolare crescita della barba. Mentre ad alcuni barboni piace semplicemente “superare” questa fase, questo disagio è completamente inutile se non con l’utilizzo di un buon olio da barba.

Per capire perché la barba genera questo fastidioso ed impellente prurito, è importante guardare cosa sta succedendo con la pelle sotto la barba e come l’olio della barba riveste un’azione fondamentale per renderla più nutrita ed idratata in profondità.

Alla radice di ognuno dei follicoli della barba, ci sono delle ghiandole chiamate ghiandole sebacee, che sono preposte alla produzione di sebo e del film idrolipidico. Queste ghiandole sono fondamentali per assicurarsi che la barba rimanga ben nutrita ma anche protetta, dato che contengono tantissime sostanze di natura lipidica che proteggono il cuoio capelluto. Le ghiandole sebacee creano questo olio chiamato sebo, e che serve a dare nutrimento, sostentamento e struttura al follicolo pilifero, dunque ai peli della tua barba.

Man mano che il follicolo della barba si allunga, richiede semplicemente sempre più olio di sebo per rivestire il follicolo e mantenere la pelle ben nutrita e idratata, motivo per il quale è fondamentale andare ad apportare dall’esterno oli essenziali e sostanze nutrititive.

Un aspetto essenziale da capire è che, indipendentemente dalla lunghezza della barba, le ghiandole sebacee rimangono delle stesse dimensioni, né si allargano né diminuiscono di dimensione. Dato che sono di dimensioni limitate, la loro produzione di olio di sebo non può effettivamente tenere il passo con la domanda del follicolo della barba, ecco perché arriva in soccorso l’olio da barba, che va ad espletare questa funzione che invece spetterebbe solamente al follicolo pilifero.

5. Come posso liberarmi della forfora della barba con l’olio?

Quando versi l’olio da barba sul tuo viso è come se ti stessi essenzialmente lavando la faccia, questo perchè nutrire ed idratatare è un processo tanto semplice ma anche fondamentale quanto lo è lavarsi la faccia al mattino.

È una specie di dopobarba per la tua barba lunga, solamente che non viene spruzzato sul viso bensi viene massaggiato, andando a ricoprire meticolosamente tutte le aree del tuo viso e della tua barba.

Quando non usi alcun tipo di olio per la barba sulla pelle per un lungo periodo di tempo e spunterà la barba quasi sicuramente inizieranno i primi fastidi relativi al rossore ed al prurito, e molto probabilmente la forfora.

In inglese viene chiama Beardruff ed è essenzialmente, la condizione che identifica la forfora della barba. La tua pelle è così secca che quando inizianno a comparire i primi peli, la pelle tenderà a sfaldarsi causando la comparsa di macchie bianche, che prendono il nome di squame e daranno un effetto ottico indesiderato soprattutto sugli indumenti di colore scuro (neri).

Potrai liberarti della forfora della barba solamente con un olio da barba che contenga elementi naturali che combattano la secchezza cutanea ma al tempo stesso tenga a bada anche la proliferazione funginea e microbica, dato che questi batteri trovano terreno fertile in territori aridi e secchi.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *